Tomorrow’s Leaves – il cortometraggio delle olimpiadi

Le Olimpiadi sono ufficialmente iniziate, e con loro non manca l'arrivo di Tomorrow's Leaves, un cortometraggio dedicato allo spirito di squadra

IMMAGINI

Nella giornata odierna, prima della cerimonia d'apertura delle Olimpiadi, il "Comitato Olimpico Internazionale" ha ufficialmente rilasciato in streaming "Tomorrow's Leaves" il cortometraggio animato firmato Studio Ponoc per commemorare le Olimpiadi di Tokyo 2020.

Di seguito è possibile osservare l'ottimo lavoro svolto dallo Studio Ponoc.

Prima di proseguire con l'analisi della trama, come sempre vi ricordo che attraverso i link sottostanti è possibile dare un'occhiata alle varie news giornaliere:

La trama di Tomorrow's Leaves



Il rilascio del corto, è stato ufficialmente accompagnato da una descrizione del medesimo da parte del comitato Olimpico che lo descrive come:

L'arrivo annuale della foglia del messaggio è fonte di preoccupazione: qualcosa è innegabilmente successo.

I suoi colori solitamente vibranti e duraturi svaniscono rapidamente e improvvisamente appassisce e si sbriciola.

Cinque inviati, provenienti da cinque diverse terre, vengono spediti per scoprire cos'è successo.

Gli inviati viaggiano in una terra lontana, guidati silenziosamente da minuscoli spiriti. Ogni inviato ha i suoi punti di forza e le sue vulnerabilità.

Competono e si sostengono a vicenda mentre si avvicinano alla loro destinazione, affrontando terreni insidiosi e condizioni difficili. Attraverso le sfide atletiche e il potere unificante dello sport, scoprono i valori fondamentali positivi che derivano dalla competizione ludica.

Insieme, gli inviati si avvicinano alla fonte della foglia del messaggio.

Riusciranno a ridare vita a un futuro in pericolo?

Curiosità sul cortometraggio

Rilasciato per la prima volta come anteprima per il festival di Annecy il 14 giugno 2021, Tomorrow's Leaves è in continua riproduzione allo Skytree Roun Theatre, e lo sarà fino al 5 settembre.

Il lavoro svolto per la produzione di quest'opera, è quasi totalmente svolto a mano e fa parte dei programmi Arts & Culture della Olympic Foundation for Culture and Heritage come primo lavoro commissionato dallo Studio Ponoc.


IMMAGINI


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *