Scopri Giappone – Tokyo: Santuario Meiji

Continua il viaggio verso altri luoghi da visitare a Tokyo

Nuova settimana, nuovo appuntamento con la rubrica Scopri Giappone! Questa volta, come da titolo parleremo del Santuario Meiji di Tokyo! Per chi ancora non lo sapesse, in questa rubrica andremo a parlare dei luoghi più importanti che possiamo trovare sparsi per tutto il Giappone; dando anche uno sguardo non solo alle zone ma anche alle principali attrazioni del posto.

Prima di incominciare, oltre a ricordarvi che gli articoli di Scopri Giappone, verranno pubblicati ogni venerdì alle 15.00, ecco di seguito il nostro precedente articolo:

Come arrivare

Per arrivare al santuario, dovete sapere che l'ingresso è situato a pochi possi dalla stazione Harajuku, ed ci si può arrivare con le linee JR Yamanote Line. Come alternativa è possibile arrivare alla stazione della metro Meiji-jingu-mae con le linee Chiyoda (Line No.9 - Chiyoda Line ) e Fukutoshin (Line No. 13 Fukutoshin Line).

Di seguito ecco la mappa del quartire di Asakusa, insieme al link del sito di Google Maps che potete consultare per ogni evenienza!



Santuario Meiji - Storia

Il Santuario Meiji (明治神宮) è situato a Tokyo, nei pressi della stazione di Harajuku, è un santuario shintoista dedicato alle anime dell'Imperatore Matsuhito e di sua moglie Shōken. La struttura venne completata nel 1920, esattamente otto anni dopo la morte dell'imperatore, anche se gli edifici vennero ricostruiti nel 1958, visto che il santuario fu distrutto durante la Seconda guerra mondiale.

La figura dell'imperatore Matsuhito ha ricoperto un ruolo importante nella storia giapponese, in quanto è stato il primo imperatore dell'era moderna! Salito al trono all'età di 15 anni, quando il Periodo Edo finì, la guida di Meiji, riuscì a creare un processo di modernizzazione rivoluzionario, con lo smantellamento del vecchio sistema, l’apertura all’estero e lo spostamento della capitale a Tokyo. La scomparsa dell'imperatore è stata vissura con grande rammarico in tutto il paese, ed è proprio per onorarlo che naque il santuario.

Visita al tempio

Orario d'apertura 05.00 - 18.00
Ingresso Gratuito
Orario visite giardino 09.00 - 15.00
Ingresso 500 Yen

Santuario Meiji cosa visitare a Tokyo

Come da tradizione nei santuari shintoisti, l'ingresso è contrassegnato da una grande porta torii in legno, colorata di rosso; una volta varcata ci si incammina su un sentiero di ghiaia che passa tra gli alberi. Il santuario è composto da una serie di edifici, dove troviamo anche la struttura principale per la preghiera in stile tradizionale che si affaccia sul cortile centrale. Nello stesso cortile, si trovano edifici in cui è possibile acquistare portafortuna, amuleti e gli ema, le targhette in legno dove scrivere i propri desideri, e prendere parte a tutte le attività di un santuario shintoista.

Troveremo anche la sala dei tesori, costruita esattamente un anno dopo che il santuario venne completato. Questa sala offre l'opportunità d vistare una collezione di oggetti personali, cimeli e abiti appertunuti sia all'imperatore che a sua moglie.

La parte Sud

Nella parte sud del santuario, troveremo come attrazione principale i giardini privati, che con un prezzo di 500 yen sarà possibile visitare. Durante questa visita, è possibile notare un antico pocco, realizzato 400 anni fa, considerato di grande valore spirituale in quanto l’Imperatore e l’Imperatrice amavano fermarsi in questo punto durante le loro passeggiate. Come ultimo edificio della zona, potrete notare la sala Kaguraden, dove si tengono spettacoli di danze tradizionali durante i festival.

Le celebrazioni del santuario

Al santuario non è raro che ci siano festival organizzati durante il corso dell'anno. Il festival dell'autunno ad esempio, è davvero un momento fantastico, in cui tutti gli edifici sono avvolti dal calore delle sfumature rosse e dorate di stagione. Una delle usanze comuni è quella di di andare a visitare il santuario nei primi giorni dell'anno, dove i fedeli pregano e fanno offerte come buono auspicio per l’anno nuovo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *