Noragami

Noragami: anche gli dei possono smarrirsi e trovare la conversione, l'importante è trovare dei validi compagni di viaggio

In corso

Oggi ci addentriamo nel manga Noragami, tradotto in italiano come "Dio randagio." è sempre complicato tradurre questi titoli senza che in italiano suonino come una sorta di blasfemia o bestemmia, anche perché per i Giapponesi questo concetto è estraneo. Noragami in realtà però significa proprio questo, Dio perduto, come un cane randagio.

Nonostante quindi l'apparente blasfemia in italiano, in realtà il manga si svolge proprio sul percorso di "conversione" di una delle tante divinità esistenti in Giappone. Sembra strano che una divinità possa convertirsi, ma è proprio questo il punto centrale del manga.

Prima di proseguire con la recensione vi invito a dare un'occhiata ale altre nostre recensioni presenti sul sito:

La trama di Noragami

Hiyori Iki è una ragazza delle scuole medie, che vive una vita normale, finché una divinità minore di nome Yato non incrocia il suo cammino. Il sogno di Yato è avere un tempio a lui dedicato e per questo offre i suoi servizi agli umani in cambio di 5 yen. Quando Hiyori cerca di salvargli la vita però, viene investita da un autobus e lì comincia la sua vera avventura.

Quando viene investita infatti, non muore, ma scopre che il suo spirito può distaccarsi dal suo corpo, rendendola di fatti un mezzo spettro. Così comincia il rapporto tra loro due, perché Hiyori spaventata chiede aiuto a Yato per risolvere il suo problema. Yato dal canto suo accetta, ma il suo obiettivo è comunque raccogliere abbastanza soldi per realizzare un santuario in suo onore.

Durante questa avventura Yato riesce anche a trovare uno shinki, cioè uno spirito che all'occorrenza si trasforma in un arma, e che è fondamentale per qualunque divinità voglia aspirare a diventare grande e potente. Il suo precedente shinki si era licenziato, ma Yato trova un ragazzino di nome Yukine che seppur si dimostra riluttante, si rivelerà fondamentale nelle loro avventure.

Comincia così l'avventura di questo trio, che tra altre divinità strumenti magici e scoperte sensazionali, avranno modo di conoscersi sempre di più e di evolversi sia fisicamente che spiritualmente.

Sguardo approfondito



Adachitoka (nome d'arte per la coppia di autrici Adaki e Tokashiki) ha dichiarato che uno degli scopi del manga è dimostrare che "sia le persone che gli dei possono cambiare per il meglio"

Effettivamente Noragami ci mostra proprio questo, un cambiamento che però, cosa importante, non viene affrontato da soli. Tutti abbiamo avuto quei momenti di sconforto in cui pensavamo di non poter cambiare e non poter migliare.

Ma la cosa peggiore non è lo sconforto ma è la sensazione di essere da soli di non avere nessuno che ci accompagni e ci spinga. Noragami è una storia che ci mostra cosa succede quando ci sono persone disposte a compiere il viaggio della vita insieme a noi.

Dal punto di vista narrativo ad Adachitoka piace "perdere tempo" nell'introduzione e nella caratterizzazione dei personaggi prima di inoltrarsi nel fitto della trama vera e propria.

Questo espediente può non piacere al lettore più impaziente, che magari vuole subito entrare nel vivo degli eventi e dell'azione, ma a lungo andare paga, perché la storia poi viene trascinata dalla caratterizzazione iniziale dei personaggi. Una storia a trazione anteriore in pratica, dove è il personaggio a definire la trama e non il contrario ed è una scelta di stile narrativo sulla quale onestamente mi trovo molto, che rende l'opera fruibile e scorrevole, pur nella sua complessa trama di eventi.

Noragami porta diversi temi a galla al lettore che sa leggere fra le righe; per esempio il continuo trattare personaggi che sono a cavallo tra la vita e la morte è un modo per riflettere, sì, la tradizione e la cultura nipponica degli spiriti e della comunicazione tra il mondo dei morti e quello dei vivi, ma è anche una maniera per portare una riflessione esistenziale più profonda sul valore della vita e sul trovarsi a "metà".

Profonda è anche la riflesessione che torna spesso sul valore della giustizia a seconda dello status in cui ci si trova. La giustizia degli dei è sempre diversa da quella degli uomini.

 

Noragami

 

Questo tipo di riflessioni però non risultano pesanti, perché sono inserite in una trama scorrevole e sono implicature che il lettore può o meno cogliere senza che la loro presenza o assenza influisca in maniera greve sulla lettura.

dal punto di vista grafico poi, veramente niente da dire, le tavole statiche sono incredibilmente espressive e quelle dinamiche ti coinvolgono nell'azione quasi fossero animate invece che disegnate; sono quei tipi di disegni che ti fanno rimpiangere il manga quando viene animato, persino nelle scene di lotta e d'azione.

 

Cosa ne pensiamo di Noragami

Manga consigliato; una buona lettura sia per coloro che hanno voglia di qualcosa di scorrevole, sia per chi vuole leggere qualcosa di un po' più impegnativo, perché l'abilità dell'autore (delle autrici) sta proprio nel costruire il proprio manga a strati, in modo che sia fruibile per tutti.

Unica pecca (che però per me non lo è) è il fatto che possa essere considerato un po' lento all'inizio. Purtroppo è inevitabile quando si sceglie questo tipo di stile narrativo che si scontenti quella parte di lettori che vuole riuscire a cogliere subito il nocciolo della questione e non vuole tanti dettagli.

Dal canto mio invece questo stile mi piace: è importante dare spessore ai personaggi prima di portarli ad affrontare un viaggio nel quale devono riscoprire loro stessi. Alla fine la lezione di Noragami è: Non importa che status tu abbia, che tu sia un dio o un umano, le difficoltà nella vita arrivano e sono naturali, l'importante però è che ci sia sempre qualcuno ad affrontare il viaggio al tuo fianco.

 

Conclusioni

Valutazione: 7.5

Manga consigliato, scorrevole ma allo stesso tempo riflessivo disegnato ottimamente.

Editore
Kodansha
Editore in Italia
Planet manga
Autori
Adachitoka

Nazionalità:
Giapponese
Numero volumi:
27
Data pubblicazione:
06/12/2010
Data pubblicazione in Italia:
27/01/2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.