Otaku Lovers: Nadia – il mistero della pietra azzurra

Alla scoperta di Fushigi no umi no Nadia, serie dei primi anni '90

Video

Il martedì sera vuol dire solo una cosa su Otakunewsworld: nuovo appuntamento con la rubrica Otaku Lovers! Settimana scorsa vi avevamo parlato in modo più approfondito di City Hunter, l’opera creata da Tsukasa Hōjō e pubblicata per la prima volta nel 1985. Questa volta andremo a scoprire insieme “Nadia - il mistero della pietra azzurra”!

Fushigi no umi no Nadia (“Nadia dei mari delle meraviglie”), questo il titolo originale dell’opera, è una serie originale animata, trasmessa per la prima volta nel 1990, composta da 39 episodi e diretti da Hideaki Anno (Neon Genesis Evangelion, Le situazioni di Lui & Lei, Shin Godzilla).

Recentemente l'anime è stato aggiunto al catalogo di Amazon Prime Video (qui il link). Come sempre, prima di lasciarvi alla trama, vi lasciamo di seguito i nostri precedenti articoli della rubrica:

La trama di Nadia - il mistero della pietra azzurra

Nadia e il mistero della pietra azzurra si svolge nel periodo della “Belle Époque”, precisamente nell’anno 1889, il periodo storico caratterizzato dalle grandi innovazioni scientifiche. La storia inizia con Jean Luc Lartigue, un quattordicenne inventore, che si reca a Parigi insieme allo zio per vedere l’esposizione universale e partecipare a una gara di volo.

Jean incontrerà una ragazza: Nadia, della quale si innamorerà a prima vista e che salverà da un trio di furfanti che cercano di rubare la pietra azzurra che porta al collo! Da quel momento per i due ragazzi, inizia un’avventura fantastica, in compagnia di tante persone che dovranno anche fermare lo spietato Gargoyle, intenzionato a conquistare il mondo recuperando antiche tecnologie.

Nadia durante il suo viaggio, comincerà a capire sempre più dettagli sulla sua vita, sulle sue misteriose origini!

L'anime in Italia

Nel nostro paese la serie animata venne trasmessa per la prima volta sulla rete televisiva Italia 1, precisamente il 20 settembre del 1991, nella fascia oraria preserale (20.00-20.30). Successivamente venne trasmesso nella fascia oraria pomeridiana all’interno del programma per ragazzi “Ciao Ciao”. Le ultime puntate però, vennero mandate in onda su Rete 4, all’interno del programma “I Cartonissimi”.

Come successo per tantissimi anime andati in onda in quegli anni, vennero fatte delle censure durante la messa in onda in Italia: vennero tagliate alcune scene di nudo della protagonista e vennero tagliate quelle dove compariva del sangue; sono stati anche riadattati alcuni dialoghi e tagliate molte scene per ridurre la durata degli episodi.

Per fare qualche esempio: nel



primo episodio venne tagliata l'introduzione e la breve scena prima del titolo con Jean che arriva a Parigi in barca; nel sesto episodio Un fermoimmagine copre Nadia che si sventola il reggipetto e Jean che dà una sbirciata.

Nell’episodio dodici, vengono tagliati 13 secondo in cui il Capo Macchinista parla delle forme di Rebecca, censurata la scena del cambio di costume da parte di Nadia e Rebecca (con conseguente reazione delle due ragazze) e anche i 13 secondi in cui viene inquadrata Rebecca con il bikini.

Durante l’episodio successivo, il tredicesimo, vengono censurati 1:19 minuti quando Marie e King corrono per l'isola con in sottofondo la sigla originale Blue Water.

L’episodio 34, non venne mai trasmesso perché conteneva numerose canzoni.

Il finale di Fushigi no umi no Nadia

Arrivati a questo punto, come ormai è solito parliamo del finale della serie!

Negli ultimi episodi di Nadia - il mistero della pietra azzurra (dal 37 al 39) vengono rivelati tutti i segreti della pietra azzurra: Nadia in realtà è la principessa di Neo-Atlantide, guardiana del potere della pietra in grado di distruggere l’umanità. Scopriamo anche che l’imperatore altri non è che il fratello maggiore di Nadia e che entrambi sono i figli del Capitano Nemo, antico sovrano della civiltà perduta di Tartesso: Una civiltà distrutta 14 anni prima dallo stesso Nemo per evitare che il primo ministro Nemesis Ra Algol, che scopriamo essere Gargoyle, attivasse la Torre di Babele per dominare il mondo.

Le pietre custodite da Nadia, Nemo e Neo vengono utilizzate per sconfiggere Gargoyle, mentre tutto l’equipaggio del Nautilus vengono salvati dal sacrificio del Capitano Nemo, che gli permette di scappare a costo della sua stessa vita.

L’epilogo vero e proprio si apre esattamente dodici anni dopo gli ultimi avventimenti, precisamente nel 1902: Marie, diventata grande, racconta tutto quello che è successo ai protagonisti della vicenda: Dopo che l’equipaggio del nuovo Nautilus si è sciolto, l’imbarcazione è stata fatta affondare a largo del Giappone; Jane e Nadia si sono uniti in matrimonio, nel 1897 e sono diventati genitori.

Grandis, Hanson e Sanson sono andati ognuno per la propria strada: Grandis è sempre affasciante e circondata da numerosi corteggiatori anche se continua a cercare il vero amore; Hanson sta diventando l’uomo più ricco del mondo e Sanson si è sposato proprio con Marie nonostante la grande differenza d’età!

Electra, il secondo ufficiale del Nautilus è rimasta sola ad allevare il figlio avuto con Nemo.

VIDEO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *