Demon Slayer: l’opening conclude le olimpiadi di Tokyo

Demon Slayer ha conquistato in poco tempo vari record personali, e nella giornata di ieri è riuscito ad essere presente perfino alla chiusura delle Olimpiadi

IMMAGINI

Le Olimpiadi di Tokyo 2020 sono ormai giunte alla fine, e tra varie pose con chiare citazione a opere come One Piece e Dragon Ball, e le spettacolari colonne sonore delle migliori serie animate e dei videogiochi riprodotte all'entrata delle varie nazioni, e durante i vari sport, non potevamo non aspettarci un finale col botto.

Mancava lei, la colonna sonora che negli ultimi due anni ha conquistato innumerevoli record insieme alla serie animata a cui è legata; stiamo parlando di "Gurenge" la sigla iniziale di Kimetsu no Yaiba (Demon Slayer



) cantata dalla straordinaria Lisa.

Seppur in forma strumentale, l'opening di Demon Slayer ha saputo dare quello sprint finale ad una delle Olimpiadi credo più amata da tutti noi sfegatati di anime e manga.

Per chi non conoscesse l'opera di cui stiamo parlando, di seguito sarà disponibile una breve sinossi. Prima di proseguire pero, come sempre vi ricordo che attraverso i link sottostanti è possibile dare un'occhiata alle varie notizie giornaliere:

La trama di Demon Slayer

Giappone, periodo Taisho. Tanjiro è il primogenito di una numerosa famiglia priva di padre, deceduto non molto tempo prima. Nonostante la dura realtà, la famiglia riesce a vivere con serenità.

Un giorno, però, Tanjiro scopre che la sua famiglia è stata massacrata da un demone e gli unici sopravvissuti sono lui e sua sorella minore Nezuko, che tuttavia è stata trasformata in un demone.

Nonostante tutto, Nezuko riesce a mantenere ancora la sua coscienza umana. Tanjiro diviene così un cacciatore di demoni per evitare che la tragedia che è avvenuta a lui e la sua famiglia possa ripetersi e per trovare un modo per ridare l’umanità a sua sorella!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *