Belle: Momoru Hosoda vince il Locarno Kids Award

Il regista riesce ad aggiudicarsi un nuovo premio

Manca ormai poco all'inizio del Locarno Film Festival, che quest'anno si terrà dal 4 al 14 agosto, e lo staff della manifestazione ha annunciato che il film Belle (Ryu to Sobakasu no Hime letteralmente "Il drago e la principessa lentigginosa") di Mamoru Hosoda ha vinto il Locarno Kids Award.

Il sito web ufficiale della manifestazione, afferma:

Dovendo scegliere qualcuno che sapesse illuminare l’orizzonte dei bambini, Locarno74 ha puntato immediatamente al genio di Mamoru Hosoda.

Inoltre, per l'occassione, oltre ad essere proiettato l'ultimo lavoro del regista, verranno proiettati in Piazza Grande anche Bakemono no ko (The Boy and the Beast



, 2015) e Ōkami kodomo no Ame to Yuki (Wolf Children, 2012); tutte proiezioni che fanno parte della nuova sezione ufficiale Locarno Kids: Screenings dedicata a bambini e bambine.

La pagina dedicata aggiunge:

Inoltre, per l’occasione, verrà organizzato un workshop nell’ambito di Locarno Kids la Mobiliare sull’animazione giapponese e le sue tecniche, che permetterà alle e ai partecipanti di immergersi in questo mondo magico.

Il focus sull’autore giapponese completa così la nuova sezione del Festival dedicata all’infanzia e all’adolescenza, fatta di perle del passato da riscoprire – come la serie RSI Clorofilla dal cielo blu (1984) di Victor J. Tognola e Go West (1925) di Buster Keaton – e di interessanti operazioni più recenti, come i titoli contemporanei scelti in collaborazione con Castellinaria – Festival del cinema giovane.

Qui di seguito vi lasciamo al video promozionale di Belle, ricordandovi che sul nostro sito potete trovare nuove informazioni riguardanti:

Il film ha venduto più di 600.000 biglietti incassando più di 891.663.200 yen (circa 7,84 milioni di euro) solamente nei suoi primi tre giorni di proiezione!

Nel suo primo weekend ha venduto 459.000 biglietti per 679.995.700 yen (circa 5,80 milioni di euro); questo è il risultato migliore rispetto ad un altro film del regista: "The Boy and The Beast", che alla fine ha concluso la sua corsa con 5,85 miliardi di yen (circa 51 milioni di euro).

La trama di Belle (Ryū to Sobakasu no Hime)

Il film vede come protagonista Suzu, una studentessa liceale di 17 anni, che vive nelle campagne della prefettura di Kochi insieme al padre. Suzu ama cantare, ma dopo la scomparsa della madre, non è più riuscita a farlo.

Dopo questo avvenimento, non passò molto tempo prima che lei e suo padre si distanziassero sempre di più e come conseguenza, Suzu ha chiuso il suo cuore al resto del mondo .

Quando la ragazza capisce che scrivere musica è il suo unico scopo nella vita, scopre l'enorme spazio online noto come "U", un mondo virtuale che conta 5 miliardi di utenti attivi, e decide di creare un avatar dandogli il nome di Belle.

Quando veste i panni di Belle, in quel mondo virtuale riesce a cantare e ben presto viene notata da tutti!

Con la sua voce, attirerà l'attenzione del mondo intero e in questo mondo virtuale incontrerà una misteriosa creatura dalle sembianze di un drago!

Il regista Mamoru Hosoda

Nato nella prefettura di Toyama, precisamente a Nakaniikawa, ha frequentato il Kanazawa College of Art dove si è laureato. Dopo gli studi trova lavoro come animatore presso la TOEI Animation ed esordisce alla regia nel 1999 con i primi due film dedicato all'universo Digimon: "Digimon Adventure" e "Digimon: Bokura no War Game".

Lasciata la TOEI entra a far parte dello Studio Ghibli nel 2001, che lascia però nelle fasi iniziali della produzione del film "Il castello errante di Howl" a causa di divergenze d'opinioni con lo staff (venne poi sostituito da Hayao Miyazaki).

Dopo alcuni lavori, nel 2005 ritorna allo studio della Toei per dirigere il sesto film di One Piece: "L'isola segreta del barone Omatsuri", per poi lasciare nuovamente lo studio e approdare in Madhouse.

Nel 2006 viene prodotto il film che più lo farà conoscere al pubblico: "La ragazza che saltava nel tempo", che ottiene critiche positive e con il quale riesce a vincere diversi premi. Sempre prodotto dalla Madhouse, tre anni più tardi, nel 2009, esce "Summer Wars" che ottiene ulteriori successi sia di critica che di premi.

Dopo aver fondato lo Studio Chizu nel 2011 insieme a Yuichiro Saito, esce il film "Wolf Children - Ame e Yuki i bambini lupo" (prodotto sempre dalla Madhouse).

Tra le altre opere di Hosoda troviamo: "The Boy and the Beast" e "Mirai", presentato in anteprima mondiale al Festival di Cannes del 2018 e candidato come Miglior Film di Animazione ai Premi Oscar del 2019.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *